Quartieri di Barcellona

Distretti e quartieri di Barcellona – low cost, turistici e super lusso

Barcellona in seguito all’espansione urbana degli ultimi secoli, è diventata una grande metropoli;  è divisa in distretti o per meglio dire barrios, dieci per la precisione. Ogni quartiere ha le sue peculiarità che lo rendono adatto alle esigenze di tutti i suoi abitanti. Quartieri low cost, super lusso, turistici e non, residenziali, immersi nel verde, questa è Barcellona.

I dieci barrios sono:

La Ciutad Vella, il cuore storico di Barcellona

La Ciutat Vella, comprende tutta la zona dal quartiere Gotico, il Raval, la Barceloneta e il Born. Rappresenta il cuore del centro storico, qui è possibile, non solo passeggiare sulla famosa Rambla meta indiscussa di turisti e residenti, ma adentrarsi nei vicoletti per ammirare le antiche meraviglie della città, come ad esempio la maestosa Cattedrale di Barcellona oppure dal lato opposto il famoso mercato di S. Josep,meglio conosciuto come il mercato della Boqueria.

Percorrendo la Rambla in direzione del porto, non passerà inosservato il famoso teatro Liceu, il più antico ed importante della città ristruttarato nel 2000 in seguito ad un incendio, sede di numerose ed importanti opere.

Poco più in fondo ecco il monumento dedicato a Cristoforo Colombo, posto di fronte al Palazzo del Governo ed al comune di Barcellona. Da qui potrete scegliere se prendere la funiculare per raggiungere la zona più alta della montagna di Montjuic oppure  passeggiare sul lungomare visitanto l’intera zona, dove fanno capolino spiagge, locali e divermento. Nonchè rilassarsi al Parc de la Ciutadella, una delle numerose aree verdi presenti in città.

Sants-Montjuic, mare, montagna e storia

E’ il quartiere più a sud della città e uno dei più emblematici della città. Paesaggisticamente parlando è completo sotto ogni punto di vista, ha mare e montagna. La natura, i mercatini di quartiere, le piazze sempre piene di gente, i musei e i tanti siti per fare sport, hanno fatto si che diventasse un quartiere per tutti.

Molto suggestivo è il castello di Montjuic che sembra vigilare l’intera zona. Davvero sorprendente il parco naturale alle spalle del castello, ricco di magnifici giardini e statue. Davvero suggestivo lo spettacolo che offre la famosa Fontana Magica situata alle pendici della montagna.

E’ un distretto popolare, multiculturale e sempre in attività, proprio come la vita sulla grande avenida Paral-lel, una strada che non dorme né di giorno e né di notte!

Gracia, l’antico borgo di Barcellona

Gràcìa, è considerato il secondo centro della città, storicamente era un piccolo paesino autonomo, infatti per certi aspetti mantiene le tradizioni e la cultura che lo hanno caratterizzato fino al diciannovesimo secolo.

Quartiere molto vivo, per la presenza di numerosi artisti, che popolano piazze e strade, ma al contempo molto tranquillo e sicuro.

Sono presenti numerosi negozi alternati a botteghe artigianali, per uno shopping all’insegna della tradizione.

Da non perdere assolutamente l’evento tra il 15 e 21 agosto, ossia, la Festa Major de Gràcia, un festival dove vengono addobbate le strade del quartiere, dove tradizione e creatività si mescolano per dare colore alle vie del quartiere e concorrono alla premizione dello scenario più bello. Potrete inoltre imbattervi in veri e propri mercatini culinari, dove assaporare la vera cucina catalana, godendo di musica dal vivo, danze e spettacoli.

Il quartiere è inoltre famoso per la vicinanza del Parc Güell, un’altro dei numerosi parchi cittadini, caratterizzato non solo dal verde dei grandi giardini, ma dalle sculture del maestro dell’estro e dei colori Gaudì.

L’eixample, stravaganza e lusso

L’ Eixample, è uno dei quartieri più estrosi di Barcellona, ricco di interessanti siti dall’alto valore archittettonico legati all’Art Nouveau; rappresenta la zona residenziale di alta classe per eccellenza e si estende al nord della Rambla di Placa Catalunya, nominatissima non solo per la bellezza dei suoi giardini con le numerose fontane ma come punto di riferimento dei principali mezzi di trasporto: quasi tutti gli spostamenti hanno origine da qui.

Davvero particolare la sua forma topografica, caratterizzata da linee rette che dividono la zona in quadrati.

Passeggiare in questa zona, significa anche ammirare boutique delle grandi firme, bere un caffè sulle tipiche terrazze barcellonesi o al centro di grandi viali alberati. E’ un quartiere vivo, eccentrico e molto all’avanguardia.

Una prova della stravaganza del quartiere è ad esempio l’angolo chiamato “Manzana de la Discordia”, ovvero l’insieme di tre grandi opere d’arte, costruite da tre genii dell’architettura, erette l’una accanto all’altra formando un vero e proprio museo a cielo aperto, costituito da tre stili diversi. La storia, narra infatti che Casa Amatler costruita da Josep Pluig Cadafalch, Casa Batllò famosa opera di Gaudì, e Casa Lleo Morera di Luis Domenech Montaner, furono commissionate da tre famiglie rivali, proprio per primeggiare l’una sull’altra.

Proseguengo è impossibile non notare la Pedrera, altra famosissima opera della mano Gaudiana, e non a molta distanza la maestosa Sagrada Familia, opera lasciata incompiuta dall’artista, ma meta da non perdere.

Les Corts, business e finanza

Anticamente unito alla cittadina e in seguito divenuto un comune autonomo. Les corts, è un quartire piuttosto finanziario, dove sorgono hotel e ristoranti classificati tra i più lussuosi. A parte il grande stadio Camp Nou, non ci sono particolari attrazioni turistiche nella zona, ma immancabile è il verde pubblico, che fa sfondo a palazzoni e grattacieli ultra moderni.

Sant Andreu, quartiere low cost  di Barcellona

Sant Andreu è un quartiere dove è possibile apprezzare sia la parte moderna di Barcellona, che la parte storica comprendente il borgo. E’ un quartiere affascinante, ricco di palazzi storici e stradine strette, nonchè di tecnologia, visto il collegamento con i treni ad alta velocità . E’ un luogo dove perdersi tra i numerosi negozietti riscoprendo tradizioni e divertimento, certamente indicato per chi desidera stabilirsi.

Sicuramente da visitare Plaça del Mercadal e la chiesa di Sant Andreu del Palomar. E’ una zona che ha subito una riqualificazione urbana non indifferente, dapprima terreno industriale, e sede di numerose fabbriche, adesso quartiere innovativo e moderno in continuo perfezionamento. Qui è possibile passare una giornata all’insegna dello shopping in uno dei più grandi centri commerciali a cielo aperto di tutta l’Europa, la Maquinista. Oppure, rilassarsi al Parc de la Trinitad, usufruendo delle aree verdi.



Sant Martì, sole, mare e shopping

San Martì, è un ex comune autonomo che si sviluppa a nord est del litorale barcellonese, subito dopo Barceloneta, di gran lunga meno costoso, è una zona molto attrezzata per chi vuole usufruire dei numerosi stabilimenti balneari. Il quartiere è molto famoso per i viali alberati che costeggiano il mare, i grattacieli moderni e il Porto Olimpico. Consigliatissimo per chi vuole trovare un appartamento vicino al mare, senza dover spendere molto.

E’ presente un centro commerciale abbastanza grande, Diagonal Mar, dove sarà possibile fare shopping sia nei numerosi negozi tipici spagnoli che in quelli appartenenti ai grandi marchi internazionali.

Come ogni centro commerciale che si rispetti, ha un cinema multisala e numerosi ristoranti

Sarria-Sant Gervasi, un quartiere a portata di “natura”

Sarria-Sant Gervasi, è un distretto situato nella parte più occidentale di Barcellona, adatto per chi vuole immergersi nella tranquillità e nella vita a contatto con la natura. Paesaggisticamente parlando, offre un panorama montuoso molto affascinante. Qui è possibile sia rimanere in città che affittare appartamenti in montagna. Le zone di  Sarria e Las planas, sono davvero incantevoli, ben colegate con il centro cittadino grazie alla linea del Ferrocarril, che in circa 20 minuti vi porterà in Placa Catalunya. Questa è una zona poco conosciuta dai turisti, ma da non sottovalutare.

Il polmone verde di Barcellona: il distretto Horta-Guinardò

Horta-guinardò, costituisce uno dei polmoni verdi della città, un quartiere tranquillo, molto adatto alle famiglie con costi di affitto notevolmente bassi.

E’ una zona collinare, tagliata da un’enorme valle, caratterizzata dalle stradine in salita e in discesa. Non è ne una zona commerciale, ne turistica, anche se ha da offrire diversi siti interessanti.

E’ un quartiere che da la sensazione di non essere in una grande e caotica città, quale è Barcellona, ma un paesino dove tranquillità e natura regnano sovrane.

Nella zona  possiamo ammirare l’ Hospital de la Santa Creu i Sant Pau, ennesimo spendore regalatoci da Lluís Domènech i Montaner nei primi del ‘900. Ospedale tuttora funzionante costituito da otto padiglioni collegati da immensi giardini, oggi considerato uno dei centri medici più all’avanguardia, inviadiato in tutta Europa per qualità dei servizi e bellezza.

Sempre in questo quartiere è possibile ammirare il Parco del Labirinto, progettato dall’italiano Domenico Bagutti nel 1792. Un parco davvero stupendo, non solo per la particolarità del labirinto, ma per la presenza di numerosi monumenti e addirittura di una cascata.

Nou Barris, nove quartieri in uno

Nou barris, è un distretto che comprende nove zone differenti,  qui il costo della vita e degli affitti è notevolmente più basso, rispetto agli altri quartieri, infatti è molto gettonato.  La zona commerciale è situata principalmente  tra Passeig Valldaura e Via Julia, mentre di rinomata importanza storica è la sede del consiglio comunale di Nou Barris, la quale ospita anche una biblioteca e un parco circostante ben curato, il Parc Central de Nou Barris. Originariamente e fino al 1986, questo edificio era conosciuto come Manicomio de la Santa Cruz, ospedale costruito nei primi anni del ‘900 e chiuso nel 1926.



Random Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.